Blog

Pneumatici sempre più cari

HABEMUS ECO-CONTRIBUTO PNEUMATICI
Pneumatici auto più cari con 3,6 Euro (cad’uno) di Contributo Ambientale!

Finalmente è arrivata dal Ministero dell’Ambiente la fumata bianca e può quindi iniziare anche in Italia la gestione dei pneumatici fuori uso.

Bisogna però fare attenzione, perché i contributi ambientali comunicati oggi da Roma non riguardano tutti i pneumatici, ma solo quelli dei marchi delle sei aziende socie di Ecopneus: Bridgestone, Continental, Goodyear Dunlop, Marangoni, Michelin e Pirelli.

A partire da ieri, 7 settembre, i gommisti, quando vendono pneumatici di uno dei marchi delle aziende citate, devono pertanto indicare in modo chiaro e trasparente, in fattura o sullo scontrino fiscale, il contributo ambientale che copre i costi di gestione e recupero dei pneumatici fuori uso.

L’importo del contributo varia naturalmente al variare delle dimensioni e tipologie del pneumatico: da 1,5 euro per le moto e 3 euro per le auto fino a 326 euro per le gomme per macchine industriali più iva.

Il quadro non è ancora completo, ma il primo passo è stato fatto ed è importante ora che tutti gli operatori coinvolti comincino ad applicare il decreto 82/2011, mettendo finalmente in moto il sistema di gestione dei pneumatici fuori uso.

Ribadiamo quindi che, in tutte le fasi di commercializzazione degli pneumatici di tutti i marchi dovrà essere indicato nelle fatture o negli scontrini fiscali il contributo ambientale.

Per chi volesse approfondire il discorso
LINK al FORUM